Posts contrassegnato dai tag ‘uomini’

Una donna non nasce cattiva, stronza o malefica.

Nessuna donna sana di mente brama il potere al punto tale da far male a qualcuno, perché ogni donna è biologicamente figlia e madre.

Perché ogni donna può dare la vita. Perché ogni donna è guidata dalla vita.

Una donna stronzamalefica è solo una donna ferita.

Prima di far soffrire qualunque donna, prima di giudicare qualunque donna, pensiamoci.

Pensiamo a nostra madre, a nostra sorella, a nostra figlia e, se siamo donne, pensiamo anche a noi stesse.

Una donna è ottimista di natura, le piace sorridere, le piace far sorridere, dà fiducia.

Ma se qualcuno tradisce la sua fiducia, prima o poi, la ruota girerà e i suoi errori gli si ritorceranno contro.

Ogni donna sa cosa significa cadere, ritrovare la forza, rialzarsi da sola.

Per amore del bello.

Per amore del sorriso.

Per amore dell’amore.

Per amore della vita.

 

Maleficent, ogni donna ha le sue ali

Mi hanno tolto il gesso! Sono troppo contenta 🙂 ! Sì, è vero, ancora zoppico e sono lenta come una lumaca ma, sinceramente, il peggio è passato quindi chissenefrega se per il momento faccio le cose al rallentatore!

La bella notizia, oltretutto, è che non ho neanche bisogno della fisioterapia, almeno così ha detto il medico, un uomo davvero tanto tanto simpatico. Non porto alcuna fasciatura e praticamente dal primo giorno ho abbandonato le stampelle, anzi, è stato il medico stesso a dirmi di camminare e muovermi più che posso stando solo attenta a non caricare troppo la caviglia con movimenti estremi. In effetti, dopo un mese ferma non percepisco più alcun muscolo e la caviglia e il polpaccio scheletrico che mi ritrovo sono quelli che fanno più fatica a riprendersi. Ma passerà. A poco a poco passerà.

Ho anche “constatato” quanto io sia sensibile al fascino dei medici 🙂 : ascoltarli parlare di questa medicina o quella frattura o quella “cosa lì” di scienza medica è davvero interessante. Senza considerare che la maggior parte di loro ha un approccio umano davvero notevole: si preoccupa, ti vizia e, soprattutto, chiacchiera con reale interesse, apprezzando le battute che fai e condividendo a sua volta considerazioni umoristiche. Sarà che sono stata fortunata a beccare un infermiere simpaticissimo poco più grande di me con cui praticamente mi sbellicavo della risate, ma il punto è quanto ciò mi abbia fatto riflettere su come certi uomini sappiano essere davvero dei gran musoni, noiosi e narcisi.

Già. Rientrata dall’ospedale è venuto naturalmente a trovarmi il “tipo” e non nego quanto io abbia iniziato a guardarlo con occhi diversi: tanto dolce e premuroso certo, bellissimo ragazzo ma, oddio, uno che passa la maggior parte della propria giornata a fare addominali, dice sempre “io, io”, non beve e non mangia mai (mai intendo da anni!) un bicchiere di vino o qualunque cibo/bevanda presenti anche solo una minima percentuale di proteine animali e di alcol è, come dire… noioso!!

Non credo che il mio sia un giudizio estremo, non in tal caso almeno: anche la sottoscritta, infatti, si reputa abbastanza sportiva, le piace ballare e nuotare e naturalmente in quanto donna tiene molto al suo aspetto estetico. Tuttavia, da questo a rinunciare totalmente agli aperitivi, non mangiare per sempre proteine animali, vivere di frutta e verdura e parlare solo del fatto che questa settimana lui non si è abbastanza allenato e deve raggiungere il suo peso forma, bè ma … che palleee!! L’infermiere che mi ha curata in ortopedia mi piace di più: non avrà gli addominali ma è un uomo davvero interessante, nonché simpatico!

In sostanza: cari uomini fate meno i narcisi, chiacchierate di più con le vostre donne e, soprattutto, fatele ridere! Non è un semplice cliché quello dell’uomo simpatico e affascinante, è tutto vero. Io ho lasciato il tipo e non perché adesso mi frequento con l’infermiere di cui sopra, anzi, probabilmente a lui non lo rivedrò mai più (peccato :p ). Ho preso questa decisione semplicemente perché stare con qualcuno con cui in sostanza ci si annoia significa, evidentemente, che nella coppia non c’è alcun feeling mentale e quindi la relazione non ha senso di esistere.

La sola attrazione fisica non basta. Perché accontentarsi esclusivamente di quella quando potremmo anche ridere e chiacchierare animatamente con qualcun’altro? Perché non pretendere, per noi stessi, per la nostra maggiore serenità, anche l’attrazione mentale? Non parlo di “amore”. L’amore probabilmente è qualcosa che va oltre tutto questo, oltreché pazzo e realisticamente poco concreto 🙂 . Mi riferisco, invece, a quella sensazione che ti fa pensare, nel momento in cui hai una relazione, cose del tipo “cavolo, trascorrere del tempo con lui/lei è davvero fantastico!”. A me è successo. Non vedo perché dovrei buttarmi la zappa sui piedi negandomi la possibilità che possa accadere ancora. Dopotutto, non sono mica così tanto vecchia e disperata ;).

Vabbé, chiudo qui, tanto è evidente quanto oggi non abbia granché voglia di scrivere cose serie e oggettivamente interessanti su questo blog :).

Vado a fare una passeggiata serale su DUE gambe, olé!